sandroangelini

Just another WordPress.com site

Archivio per il tag “ascoli piceno”

Degrado e maniaco: benvenuti in città!

attenzione_maniacoIeri il Corriere Adriatico si è occupato del degrado della zona di Viale De Gasperi, primo impatto per motli turisti che giungono in città sia con i pullman che con le auto. L’articolo argomenta citando teppisti, schiamazzi e cani senza guinzaglio; in realtà i cani sporcano anche con tanto di guinzaglio e padrone al seguito, mentre gli schiamazzi notturni, la sporcizia e anche diverse siringhe usate, si trovano in una zona molto più vasta, fino a viale Benedetto Croce, Viale Marconi e oltre. Non è affatto circoscritto il degrado ma è in evidente espansione: la zona delle Tofare è invasa da grossi topi e piena di siringhe, viale Marconi la notte si trasforma in una pista da corsa e la rotonda all’incrocio con la stazione ferroviaria diventa una giostra per auto che sgommano allegramente. Ma non è tutto. In viale De Gasperi nelle ultime settimane ci sono stati una lunga serie di furti e danneggiamenti a uffici e piccole attività che hanno costretto diverse persone a ingaggiare vigilanti notturni. Le forze dell’ordine? Non pervenute. Personalmente, specie la scorsa estate, ho chiamato più volte 112 e 113 in tarda notte, in alcuni casi sono stati gentili, anche se non risolutivi, in altri un po meno. Il sindaco Castelli aveva promesso la riqualificazione della zona, compreso il giardino tra via Candido Augusto Vecchi e viale De Gasperi, ha parlato di cancelli e illuminazione. Senza considerare la vecchia fontana in stato di abbandono da anni, credo che luce e cancelli non siano sufficienti e forse neanche tanto efficaci. Negli ultimi tempi c’è un signore che gira nella zona mostrando i genitali a ragazze e signore, anche in pieno giorno e si muove sia in auto che a piedi. Come dicevo all’inizio, considerando che in quella zona arrivano pullman da diversi paesi europei forse ci si doveva muovere qualche anno fa, visto che del turismo ci si riempie la bocca spesso. Anche le notti bianche di quartiere e iniziative simili, senza adeguati controlli, rischiano di peggiorare la situazione già difficile per i residenti che non hanno la fortuna di andarsene al mare fino ad agosto. Iniziative notturne di questo tipo portano spesso a consumi eccessivi di alcool, specie tra i giovani e le conseguenze sono note, da piccole scaramucce a fatti di cronaca. Pozza Ibbè! Buona estate a tutti.

Baby bulli e vandali in centro: che fare?

GiovaniIn questi giorni le forze dell’ordine “hanno svolto un servizio di controllo del territorio per contrastare il fenomeno del vandalismo nel centro cittadino”. Dopo ripetuti e gravi episodi, (non tutti finiscono sui giornali) come la rissa in pieno centro che ha visto coinvolte decine di persone e quindi l’interessamento dei giornali locali, il comando dell’Arma ha deciso (giustamente) di fare questa operazione.
Credo che sia proprio questo il problema: contrastare serve a poco, bisogna fare anche prevenzione. Come? Attraverso i controlli ma anche la presenza costante, visto che l’Italia ha la fortuna di avere ben due forze di Polizia (più quella locale) e il centro di Ascoli è poco più grande di un piccolo paese, non dovrebbe essere molto difficile.

Quando ero ragazzo ricordo che nel passeggio serale di piazza del Popolo, si vedevano spesso carabinieri in divisa che giravano in zona e ogni tanto passava anche una pattuglia della polizia; era un modo per far sentire più sicure le persone normali e un deterrente per teste calde, vandali e idioti vari. La divisa credo sia ancora oggi un deterrente ma occorre anche elaborare e attuare una politica che favorisca nuove attività giovanili: spazi ricreativi e di aggregazione dove i giovani possono incontrarsi ed esprimersi in forme diverse e creative, sperimentare nuove idee, un vero laboratorio cittadino per ragazzi e ragazze.
I Centri di Aggregazione dell’Informa Giovani per esempio;
ci sono sale con strumenti per fare musica, creare video, attività ricreative, sportive e corsi gratuiti …
Ah, dimenticavo, i CAG e gli sportelli Informa Giovani sono stati chiusi … dall’assessorato allo sport (!)

Credo che il nostro sia l’unico comune d’Italia che anziché potenziarli li ha chiusi e non ho letto molto di questo sui giornali e non sentito spiegazioni, ne dall’assessorato e tantomeno dal sindaco.

Poi dicono che il calo della popolarità del primo cittadino ascolano sia dovuto all’IMU …

Tornando al problema dei vandali in centro, ricordo che il declino è iniziato molto tempo fa, i negozianti di Corso Trento e Trieste ne sanno qualcosa: erano disperati per il bivacco serale dei giovani davanti a vetrine e ingressi dei loro negozi. Senza contare le scritte sui muri, la sporcizia lasciata a terra, le parolacce, le bestemmie e le zuffe che allontanavano (giustamente) i clienti. Chi osava lamentarsi o chiamare i vigili urbani, oltre a minacce e insulti, la mattina trovava spesso la vetrina danneggiata. Ricordo una zuffa in particolare dove vennero coinvolti anche vigili urbani e carabinieri, si beccarono persino lanci di bottiglie di vetro.

Quando vivevo in centro, specie d’estate, nelle prime ore pomeridiane c’era lo “spaccio a cielo aperto” di eroina e il triste fenomeno della prostituzione: ragazze spesso molto giovani e tossicodipendenti, adescate da anziani “signori” per giochi e rapide prestazioni sessuali da consumarsi in una rua, sempre nei pressi di piazza del Popolo. Per molto tempo questo fenomeno venne ignorato, come il vandalismo e la violenza di questi ultimi anni, il metodo è sempre lo stesso, quando esplode e ne parlano i giornali si attiva qualcuno. Risse aggressioni e ferimenti gravi risvegliano l’attenzione per un po’ di tempo, poi si ricade nel torpore solito. Le famiglie sembrano sempre più distratte e distanti dai loro figli, generano vere e proprie “mine vaganti” che con il tempo possono trasformarsi in persone disturbate e quindi pericolose. Occorre fare qualcosa prima e non solo dopo.

Navigazione articolo