sandroangelini

Just another WordPress.com site

Archivi per il mese di “settembre, 2014”

Daniza e la coerenza del popolo

imageIl clamore mediatico sollevato dalla vicenda dell’orsa Daniza in prima analisi può apparire eccessivo. Proteste in trentino, sit-in, minacce al cercatore di funghi che ha innescato tutta la vicenda; indignazione e insulti su tutti i “social” della rete, insomma un vero polverone. Credo che questo genere di eccessi sia legato ad un’esasperazione di fondo, un malcontento che ha origini lontane dall’orsa uccisa e dal Trentino. Anche questa vicenda viene più o meno inconsciamente innalzata a simbolo dell’indifferenza e superficialità delle amministrazioni e dello stato. Ci sono poi le solite sfilate di dichiarazioni dei vari politici a caccia di consensi, per prima la Lega, che oltre ad essere in prima linea per la difesa della caccia, nelle feste trentine organizzava banchi dove si poteva gustare … carne di orso! Ma lasciamo da parte la politica e i suoi nauseanti protagonisti. Come dar torto agli animalisti e a tutti i loro sostenitori? Ma c’è un aspetto che mi convince poco. Ogni giorno migliaia di animali ancora cuccioli, come caprette, agnelli, maialini, vitelli, pulcini e conigli vengono uccisi orribilmente per soddisfare le nostre abitudini alimentari. Se la stessa porzione di cittadini che ha protestato consumasse (solo) il 10% di carne in meno, sarebbero risparmiate migliaia di animali ancora cuccioli e tanta sofferenza. Gli animali che troviamo ogni giorno nei supermercati, cotti, affettati, congelati e confezionati, prima di morire vivono prigionieri in gabbie d’acciaio in cui non hanno neanche lo spazio per girarsi. Forse ci vorrebbe qualcos’altro oltre all’indignazione (nobile sentimento ma spesso inutile), magari un pizzico di coerenza e senso della misura. Augurare la morte a qualcuno o minacciarlo ci pone a un livello più basso di chi contestiamo. Su Facebook sono stato duro anch’io nei commenti ma non sono capace di scadere oltre l’ironia perché la violenza e la stupidità non mi ispirano affatto emulazione ma disgusto. Poi dovrebbe esserci comprensione, si dovrebbe avere la capacità di guardare dentro le cose che accadono, quanto basta per vederne le cause: ignoranza, mancanza di materia grigia.
La stupidità va arginata e compatita. Occorre disinnescare certi personaggi, che siano amministratori o ministri; possiamo farlo ogni volta che ci sono elezioni, locali e nazionali: possiamo ma non lo facciamo. La mancanza di coerenza e di coraggio degli italiani, da nord a sud è forse l’unica cosa che fa di noi tutti un popolo; bue, ma unito almeno nell’incoerenza.

Annunci

Ebrei ortodossi: chi è senza peccato ?

1jewish11Abusi psicologici su minori, matrimoni forzati tra minorenni, bambini trascurati, salute precaria e un educazione esclusivamente casalinga sotto gli standard previsti dalla legge. Queste accuse non riguardano una comunità islamica ma bensì ebraiche, mosse dal governo canadese alla setta Lev Tahor (cuore puro) e seguite dall’espulsione dal paese. Così, i componenti della setta ebraica ortodossa sono finiti in Guatemala a San Juan, in un villaggio di 10.000 persone, con l’idea di poter vivere secondo i loro rigidi dettami religiosi che non risparmia affatto bambini bambine. Dopo mesi di accuse reciproche è arrivata l’espulsione anche dal villaggio maya e come riportato da diversi giornali, si parla di assoluta mancanza di volontà d’integrazione, di atteggiamenti sgradevoli e, sempre secondo gli abitanti di San Juan, spaventerebbero persino i turisti. La Procura dei Diritti Umani del Guatemala ha aperto un’inchiesta, mentre il sindaco del villaggio ritiene giusto che la setta di ebrei ortodossi se ne vada; “nessuno può essere discriminato, maltrattato o costretto a vestirsi e a vivere in un certo modo … “ Gli stessi organi d’informazione ebraici definiscono i componenti della setta “giudei talebani”. Insomma, mi sembra proprio il caso di dire: chi è senza peccato … scagli la prima accusa.

Navigazione articolo